Capannoni prefabbricati fissi e retrattili

Postata da

I capannoni prefabbricati sono una soluzione molto adoperata da aziende ed industrie, dal momento che consente di ottenere, sulle superfici di proprietà, dei locali da adibire a magazzino, ad attività produttive o altro ancora, risparmiando notevolmente sui costi di costruzione e garantendosi anche dei notevoli vantaggi in termini di praticità.

La spesa per la costruzione classica di un grande capannone, infatti, risulta generalmente superiore se paragonata a quella che si deve prevedere per l’acquisto di un capannone prefabbricato, e si devono considerare anche degli altri aspetti, quali anzitutto la possibilità di spostare il capannone nel caso in cui non dovesse essere più utile, collocandolo magari in altre aree dell’azienda o anche rivendendolo, e dei tempi di installazione notevolmente più brevi rispetto a quelli che comporterebbe l’edificazione tradizionale.

Nell’ambito dei capannoni prefabbricati, una tipologia di struttura molto utilizzata è certamente quella dei capannoni indipendenti, la quale si contrappone ad un altro genere di capannoni, ovvero quelli che necessitano di almeno un altro edificio per essere fissati stabilmente al suolo.

I capannoni indipendenti, come dice la parola stessa, non hanno bisogno di alcun altro stabile nei dintorni per essere fissati suolo, e sono dunque degli edifici del tutto autonomi e perfettamente coperti da adibire a magazzino, locale per la produzione, punto di carico e scarico o altro ancora.

I capannoni indipendenti possono a loro volta essere distinti in due tipologie: capannoni fissi e capannoni retrattili. I capannoni indipendenti fissi sono delle strutture le cui dimensioni non possono in alcun modo variare, sia in lunghezza che in larghezza, al contrario i capannoni retrattili possono, grazie ad uno speciale sistema di scorrimento su acciaio delle pareti laterali, essere regolati anche a delle dimensioni variabili, sulla base delle esigenze momentanee.

Il vantaggio dei capannoni retrattili è infatti quello di garantire un’ottimizzazione degli spazi costante; nel caso in cui lo spazio interno al capannone possa essere momentaneamente ridotto per esigenze aziendali, infatti, si può diminuire la lunghezza della struttura guadagnando così dello spazio sull’area esterna da adibire ad altre operazioni o semplicemente per favorire la circolazione dei veicoli e dei carrelli elevatori; il sistema di scorrimento delle pareti realizzato sul suolo, infatti, non risulta assolutamente ingombrante o di intralcio.

I commenti sono chiusi.